Lvmh-Kering stipulano la Carta per il benessere: vi spiego di cosa si tratta.

ARCHIVIO SETTIMANA MODA DONNA

ARCHIVIO SETTIMANA MODA DONNA

Non ci saranno più modelle troppo magre e under 16 sulle passerelle dei marchi appartenenti ai gruppi Lvmh-Kering.

Alla vigilia della MFW i due colossi del lusso si sono alleati per stipulare l’accordo per una Carta del Benessere a favore di modelle e modelli.

Le fashion tips sono molto chiare: niente più taglie 36, si parte dalla 38, per gli uomini 48; in nessun caso dovranno essere under 16; sarà obbligatorio aver concluso gli studi; ci sarà un affiancamento di uno psicologo/psicoterapeuta durante l’orario di lavoro e un tutor che faccia da interlocutore in caso di reclami o controversie.

La carta del benessere è un punto di svolta e in un comunicato, entrambi i gruppi spiegano che si tratta di “rispetto per la dignità di ogni donna e uomo”.

Si tratta di una svolta epocale, senza precedenti, in quanto garantisce maggiori diritti alla figura professionale del modello/a ponendo limiti ad anacronistici canoni estetici. Sempre più giovani cercano di emulare i fisici ultra-slim proposti dall’industria dell’alta moda.

Ma in che modo la Carta del benessere potrà garantire tutto ciò?

Innanzi tutto, per lavorare per Lvmh-Kering, bisognerà ottenere un certificato medico (forse di sana e robusta costituzione e che indichi in dettaglio l’indice di massa corporea), che dovrà essere rilasciato nel corso dei sei mesi che precedono la sfilata o lo shooting.

Anche le agenzie di casting dovranno impegnarsi a collaborare e selezionare modelli e modelle con i suddetti canoni.

Inoltre, quelli in età compresa tra i 16 e i 18 anni non potranno lavorare tra le 22.00 e le 06.00.

La Carta è valida in tutto il mondo e sarà adottata per la prima volta per le prossime sfilate della Moda Donna e Uomo. A monitorare che venga rispettata, ci sarà un gruppo rappresentativo composto da brand, agenzie e modelle/i che si riuniranno annualmente.

Si spera che a seguito di questa iniziativa possano aderire all’accordo altri gruppi e brand in modo da creare una Carta del Benessere universale.

Copyright Alvufashionstyle di Alvuela Franco

Fonte immagine: Milanocollezioni.it

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: